IT ENDS WITH NOSTALGIA

17 dicembre 2021 – 30 gennaio 2022

Inaugurazione 16 dicembre 2021 ore 18:30 


Orari di apertura: 

Martedì, mercoledì e giovedì H 15-20

Venerdì, sabato e domenica H 11-13/15-20 

Lunedì chiuso

Giorni di chiusura: 24, 25, 26 dicembre 2021 e 1 gennaio 2022

Aperture straordinarie

27 dicembre 2021 H 15-20

31 dicembre 2021 H 15-18

3 gennaio 2022 H 15-20

21-23 gennaio 2022 H 11-20

22 gennaio 2022 | IT ENDS WITH NOSTALGIA meets Ombre Lunghe
Ingresso gratuito con Green Pass

Giovedì 16 dicembre 2021 alle ore 18:30 Parsec inaugura la mostra IT ENDS WITH NOSTALGIA.

L’esposizione si focalizza sulle ambivalenze del sentimento nostalgico, proponendo una rilettura di tipo sociologico di questa attitudine individuale e collettiva attraverso le opere di Guendalina Cerruti, Francesco Hayez, Sathyan Rizzo e il libro Raising moths. Attempts at (Musical) Ekphrasis On Haruomi Hosono’s Watering a Flower di Federico Antonini e Sergio Savini. Il progetto espositivo intende rintracciare una continuità tra lo sguardo nostalgico del ritratto dipinto da Hayez, studio per il grande quadro I profughi di Parga, e un sentimento più contemporaneo, proiettato su un futuro perduto, nelle opere di Cerruti e Rizzo.

Il titolo della mostra si riferisce all’analisi della studiosa Svetlana Boym, la quale sottolinea quanto la nostalgia non sia tanto legata alla mancanza di un luogo, quanto più di un tempo, desiderio di qualcosa che non esiste più o non è mai esistito. Nostalgia, quindi, non solo come sguardo retrospettivo sul passato, ma anche prospettivo sul futuro. Proprio su questi due assi temporali vivono le opere in esposizione, tra il rimpianto per qualcosa che si è perso e un lutto, del tutto contemporaneo, per l’impossibilità del ritorno di un futuro mitico e di un mondo incantato con confini e valori chiari.

Un ruolo centrale in questa riflessione è rivestito anche dall’elemento sonoro, che accompagna l’indagine di Savini e Antonini, evidenziando inoltre quanto la nostalgia sia un atteggiamento transgenerazionale nei diversi tempi e contesti. Grazie alla collaborazione tra Parsec e Ombre Lunghe verrà inoltre organizzato, sabato 22 gennaio 2022, un evento all’interno degli spazi di AtelierSì, pensato appositamente per ampliare il focus della mostra. A muovere la ricerca artistica di Ombre Lunghe in questo contesto è l’interesse per quei progetti musicali e performativi che operano una rivoluzione dell’asse temporale e dei codici artistici in esso contenuti. La nostalgia è un fenomeno pluridimensionale che fonde diverse dimensioni culturali ed emotive che si intrecciano in un nuovo e desiderato altrove. Come afferma Svetlana Boym, il nostro secolo è iniziato con l’utopia e finito con la nostalgia.